Ultima modifica: 27 Gennaio 2021

Convocazione assemblea famiglie sulla valutazione degli alunni nella scuola primaria

Alla luce dei cambiamenti che stanno riguardando la Scuola Primaria, la Dirigenza, le maestre e i maestri del nostro
Istituto, invitano tutti i Genitori che potranno presenziarvi, ad una assemblea, il giorno 1 febbraio alle ore 17:00 ,
lunedì, in modalità telematica su Classroom.
Durante l’incontro, i docenti di ciascuna classe illustreranno le novità che interesseranno le pagelle degli allievi a
partire dal primo quadrimestre.
Il Ministero dell’Istruzione, con un’ordinanza di recentissima emanazione (O.M. 172 del 4 dicembre 2021), ha
richiesto alle scuole di uniformarsi, in uno spazio temporale certamente limitato, ad una vera e propria svolta in
ambito valutativo.
IN PARTICOLARE, NEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE (LA PAGELLA DEGLI ALLIEVI), NON COMPARIRANNO PIÙ
VOTI.
Il giudizio di comportamento, quello di religione cattolica e attività alternativa resteranno invariati.
PER TUTTE LE DISCIPLINE LE VALUTAZIONI CONSISTERANNO NEI SEGUENTI GIUDIZI (espressi nei seguenti livelli):
− AVANZATO: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note e non note, mobilitando una varietà di
risorse sia fornite dal docente sia reperite altrove, in modo autonomo e con continuità.
− INTERMEDIO: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve
compiti in situazioni non note utilizzando le risorse fornite dal docente o reperite altrove anche se in modo
discontinuo e non del tutto autonomo.
− BASE: l’alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e utilizzando le risorse fornite dal docente, sia
in modo autonomo ma discontinuo, sia in modo non autonomo, ma con continuità.
− IN VIA DI PRIMA ACQUISIZIONE (valutazione non sufficiente): l’alunno porta a termine compiti solo in
situazioni note e unicamente con il supporto del docente e di risorse fornite appositamente.
Perché i giudizi?
Lo scopo principale di questo cambiamento è utilizzare i livelli (avanzato, intermedio etc.) e le loro descrizioni per
far emergere i punti di forza degli allievi e focalizzare l’attenzione sul cammino ancora da percorrere per
consolidare gli apprendimenti. Tale analisi consentirà agli allievi di sviluppare la capacità di autovalutazione e ai
docenti di progettare nuove azioni didattiche con obiettivi mirati.
I criteri che stabiliranno quale giudizio verrà assegnato all’allievo saranno:
1. il grado di Autonomia nello svolgere compiti, prove, esercizi (da solo/con aiuto);
2. il tipo di Risorse utilizzate dall’allievo nello svolgimento di un dato compito/prova (ovvero risorse fornite
dal docente o l’alunno è stato in grado di reperirne anche attraverso l’approfondimento, l’uso di
nozioni/capacità/procedure di cui è venuto in possesso in altre situazioni di apprendimento trasponendole
poi nel nuovo contesto);
3. la capacità dell’alunno di portare a termine il proprio compito sia in situazioni già sperimentate con il
docente (Situazioni Note) o anche in Situazioni Nuove (cioè non affrontate prima);
4. la costanza o meno nel tempo, ovvero la capacità di riuscire a portare a termine con Continuità
sempre) oppure in maniera Discontinua la propria prestazione (solo talvolta).
La combinazione di tali criteri dà luogo alle descrizioni di ciascun livello di giudizio come delineato dalle “Linee
Guida emanate dal Ministero dell’Istruzione” annesse all’ordinanza Ministeriale 172 del 4 dicembre 2021
(avanzato, intermedio, base, in via di prima acquisizione).
Si confida in una partecipazione numerosa dei genitori all’assemblea così convocata.